Il corso di Parapendio

Il programma dei corsi si compone di una parte teorica e una pratica, che vengono svolte parallelamente. La scuola inoltre organizza, su richiesta, corsi intensivi "full immersion" per gruppi di aspiranti allievi. Le materie teoriche sono 9 tra cui aerodinamica, meteorologia, tecnica di pilotaggio, legislazione aeronautica, fisiopatologia del volo e vengono accuratamente trattate durante lo svolgimento delle lezioni. Per quanto riguarda l'addestramento pratico, l'allievo viene seguito dall'istruttore sin dal 1° giorno, progredendo in maniera graduale ed a seconda delle proprie capacità e tempi di apprendimento.

All’inizio dell’addestramento si passa attraverso la fase del "campetto" ed alle prime manovre base che permettono di decollare da piccoli dislivelli che andranno aumentando gradualmente.

Acquisita la perfetta conoscenza delle manovre di decollo e di atterraggio (accuratamente radio assistiti) si arriva poi, piano piano, al primo vero volo alto da solista e si affronterà dunque tutta la parte relativa all'addestramento sulle manovre in volo rimanendo sempre in contatto radio con gli istruttori.

Alla fine dell'iter addestrativo e solo quando gli allievi saranno ritenuti idonei, verranno presentati alla sessione d'esame presieduta da esaminatori nominati dall'AeCI (Aero Club d'Italia) per il conseguimento dell'attestato VDS (Volo da Diporto o Sportivo).

 

REQUISITI FISICI PER PARTECIPARE AL CORSO
Il parapendio non è assolutamente uno sport per soli atleti; un minimo di forma fisica potrà essere d'aiuto nella fase del campo scuola in cui è necessaria qualche risalita sul pendio del campetto con la vela in spalla. Nelle fasi successive (voli alti) si raggiunge il decollo con lo shuttle della scuola.

REQUISITI LEGALI PER ISCRIVERSI AL CORSO:

Secondo la normativa vigente sul V.D.S. (volo da diporto o sportivo), i requisiti richiesti per poter essere ammessi ad un corso valido per il conseguimento dell'attestato di volo, sono:

1) Essere maggiorenni, oppure aver compiuto 16 anni ed avere il consenso di chi esercita la patria potestà. In questo caso deve essere prodotta un'autorizzazione autenticata presso un ufficio comunale utilizzando l’apposito modulo di “dichiarazione sostitutiva di conformità”.

2) Avere il “Nullaosta” del Questore. La normativa vigente infatti prevede che per partecipare ai corsi si deve prima avere ottenuto il nulla osta del Questore della Provincia in cui si risiede. Lo si ottiene presentando il modulo presso la stazione dei Carabinieri direttamente alla Questura. 

3) Ottenere il certificato medico specifico per il volo. Quest’ultimo viene rilasciato dopo l'apposita visita da effettuare presso un medico dello sport. Il certificato deve essere specifico per lo sport del volo libero, non sono validi i certificati sportivi generici, né quelli rilasciati da un medico condotto o comunque non specialista dello sport. Il certificato, per legge (art. 12 del D.P.R. 404 - 05.08.88), deve riportare la dicitura; certificato medico per il volo da diporto o sportivo, oppure, per volo libero e deve avere validità due anni.